logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

Dimmi come dormi e ti dirò chi sei

Dimmi come dormi e ti dirò chi sei

Ebbene si alcuni studi ci dicono che la posizione in cui dormiamo può rivelare alcuni aspetti della nostra personalità: il corpo ha un linguaggio notturno che è rappresentato proprio dal modo in cui occupiamo lo spazio, ci ritraiamo, cerchiamo di dominarlo, lo abbracciamo o ci difendiamo, perchè esprimiamo dormendo le paure più profonde e i desideri più nascosti.

Ad esempio stringere il cuscino equivale ad una richiesta di protezione e sicurezza; mettere la testa sotto il cuscino, invece, indica una forte personalità. E poi c’è chi preferisce dormire senza cuscino, espressione di un tratto equilibrato del carattere, ma troppo critico nei confronti di se stesso; chi respinge il cuscino nel sonno, invece, indica un bisogno di libertà.

E anche se di notte ci muoviamo continuamente ci sono alcune posizioni ” base” che esprimono molti tratti della nostra personalità

Di seguito le posizioni più comuni e i loro rispettivi significati

La posizione fetale

Più della metà degli adulti dorme nella cosiddetta posizione fetale, di fianco con le ginocchia raccolte e le braccia piegate. Questa posizione è associata al comfort e alla rassicurazione, per cui chi la assume tende a preoccuparsi molto e a cercare sollievo dallo stress giornaliero.

Chi dorme in posizione fetale è generalmente molto coscienzioso e ordinato, si preoccupa fuori misura e ha la tendenza a rimuginare sulle cose.

Solitamente è una persona che appare forte e dura all’esterno ma che in realtà nasconde una buona dose di timidezza e sensibilità. Ha bisogno di tempo per aprirsi agli altri ma quando lo fa, sa essere un ottimo amico.

La posizione semifetale

Dormire sul fianco con le braccia distese in avanti è paragonato ad inseguire qualcosa o qualcuno e la persona che dorme in quella posizione nasconde il desiderio di una vita diversa e la volontà di fare ciò che serve per ottenerlo.

Chi dorme in posizione semifetale tende a porsi obiettivi molto alti, talvolta difficilmente raggiungibili e a criticarsi duramente per gli insuccessi; spesso ha difficoltà a concentrarsi su ciò che è veramente importante e perde tempo inseguendo chimere.

Un suggerimento per chi dorme in questa posizione è vedere ogni giorno come un nuovo inizio, stabilire ciò che si vuole raggiungere nella giornata e impegnarsi su quello, senza divagare in mille cose.

Sul fronte della personalità, chi dorme in posizione semifetale è generalmente aperto verso il nuovo ma anche molto sospettoso e cinico, e impiega molto tempo per prendere una decisione che però, quando presa, è generalmente definitiva.

La posizione a tronco

“Dormire come un ciocco” si dice, e del tronco è il nome della posizione (anch’essa molto diffusa) per cui una persona dorme di fianco con collo, testa, braccia e gambe tese e dritte in linea retta.

Le personalità di chi dorme “a tronco” si dividono in due gruppi: chi è rigido e inflessibile, molto testardo e dall’atteggiamento un po’ comandante, e chi invece è molto socievole e alla mano, con la tendenza a fidarsi anche del primo venuto esponendosi così anche a rischi di non poco conto.

Invece le persone che dormono stese sul fianco, ma con le braccia sollevate all’altezza del viso, sono considerate persone aperte ma attente a valutare tutto attentamente

Sul fronte fisico, chi dorme nella posizione a tronco può svegliarsi un po’ irrigidito, è quindi buona regola fare esercizi per rilassare i muscoli e la mente.

A pancia in giù

Qualcuno ha definito dormire a pancia in giù, con le braccia aperte sui lati o abbracciando il cuscino, la posizione della “caduta libera”. Chi dorme in questa posizione sente di non avere controllo della propria vita, ha bisogno di attaccarsi a qualcosa per sentirsi sicuro e spesso si sveglia ansioso e preoccupato per la giornata che lo attende.

Un consiglio per loro è affrontare le cose una alla volta, in modo da assumere progressivamente il controllo della propria vita.

Sul fronte della personalità, chi dorme a pancia in giù è generalmente estroverso, e anche se può apparire impudente e sfacciato, è ipersensibile e prende seriamente ogni critica.

A pancia in su

A pancia in su con entrambe le braccia distese lungo i fianchi: questa è la posizione del soldato. Non diffusissima (è stato calcolato che la assume circa l’8% degli adulti) è maggiormente diffusa tra le persone quiete e riservate che non amano il caos né le attenzioni.

Dormire a pancia in su può indurre a russare e quindi disturbare il sonno, per cui può succedere che la mattina ci si svegli più stanchi di quando si è andati a dormire.

 

})(jQuery)