logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

Invecchiamento precoce: gli errori da evitare durante il sonno

Chi di voi segue il nostro blog sa bene quanto ci teniamo a parlarvi dell’importanza del dormire bene, la salute prima di tutto!

Il sonno è un meccanismo naturale che salvaguardia il nostro benessere. Durante, infatti, il nostro corpo rallenta le funzioni fisiologiche e si rigenera cellularmente, riacquisisce energie, riprogramma il cervello, il quale entra in una sorta di stand-by riducendo le funzioni al minimo, elaborando la nostra memoria a breve termine e salvando i dati immagazzinati durate la giornata. Anche la temperatura corporea si abbassa, il metabolismo rallenta mentre la circolazione sanguigna si stabilizza. Un buon riposo garantisce prestazioni migliori, aumentando concentrazione e lucidità, forza fisica e aspetto estetico.

 

Quanto bisogna dormire?

 

Importantissimo è avere un buon ritmo veglia/sonno il più regolare possibile, cercando di sgarrare di pochissimo sugli orari.

Per i bambini è necessario un arco di tempo che si aggira sulle 10-12 ore.

Gli adulti hanno bisogno di 8 ore di sonno pieno per affrontare al meglio la giornata.

Gli anziani, invece, solamente 6 ore.

Un ritmo sregolato e la mancanza di riposo può portare gravi disturbi.

 

Invecchiamento precoce e errori da evitare

 

Un buona notte di sonno è la prima cura di bellezza.

Un studio della dermatologa Purvisha Petel ha rivelato che vi sono alcuni fattori durante la notte da non sottovalutare per l’invecchiamento precoce.

Si sa dormire a pancia in giù con gamba piegata e faccia bella pigiata sul cuscino è una delle posizioni preferite da tutti per dormire, eppure è un fattore di invecchiamento! Difatti al mattino gli effetti di questa abitudine si traducono in gonfiore ed occhi a palla ma col tempo possono portare al cedimento dei tessuti e alla perdita di collagene, aprendo strada alle rughe. Come sopperire al problema? Imparare a dormire sulla schiena, per ridurre l’effetto della gravità sul viso.

Secondo fattore di rischio è una scarsa pulizia del viso prima di coricarsi. Capita a volte di tornare a casa stanchi ed affaticati e andare a dormire senza lavarsi il viso o struccarsi, abitudine molto più frequente di quanto si possa pensare. Gli effetti comunque possono essere devastanti. Non rimuovere il make up dagli occhi ad esempio li farà svegliare gonfi, doloranti e rossissimi. Questo, aggiunto allo smog e alla sporcizia raccolta durante la giornata, ostruisce i pori e favorisce la comparsa di brufoli. A lungo andare la pelle ne risente pesantemente poiché la tanto importante riparazione cellulare notturna non riesce più a compiersi.

Terzo fattore, se da un lato la scarsa igiene può creare problemi dall’altro anche l’eccessiva pulizia è da evitare. L’uso eccessivo di acqua secca estremamente la pelle e l’uso non appropriato di creme può danneggiarla terribilmente. È necessario, infatti conoscere bene ciò che si usa, mischiare prodotti che non sono compatibili tra loro può creare lesioni e perfino ustioni. Per esempio, mischiare prodotti che contengono retinolo, contenuto soprattutto nelle creme per prevenire le rughe, con il perossido di benzoile, che si trova nei prodotti anti-acne, crea fortissime irritazioni che bruciano la pelle. Occhio a cosa usate!

Quarto fattore,non bere a sufficienza. L’acqua è essenziale per la pelle, se non idratata essa si secca immediatamente, soprattutto intorno agli occhi, sul lungo periodo però porta alla mancanza di elasticità e al cedimento dei tessuto, è bene bere due litri al giorno, ne va della nostra salute e della nostra bellezza.

})(jQuery)